LIMBA E ISTORIA SARDA IN S'ISCOLA

(IT)

Il prossimo 27 ottobre alcuni sindacati indisponibili alla concertazione e alla svendita dei diritti dei lavoratori hanno indetto uno sciopero generale. Noi attivisti “pro una Caminera Noa” riuniti nella loro assemblea plenaria a Bauladu lo scorso 17 settembre abbiamo deciso di sostenere le ragioni dello sciopero perché compatibili con i valori e gli obiettivi in discussione:

- Abolire le disuguaglianze salariali, sociali, economiche, di genere e quelle nei confronti degli immigrati;
- Garantire forti aumenti salariali;
- riduzione generalizzata dell'orario di lavoro e investimenti pubblici per ambiente e territorio;
- Pensione a 60 anni o con 35 anni di contributi; - Abolire la legge Fornero;
- Fermare le privatizzazioni e le liberalizzazioni;
- Garantire il diritto universale alla salute, all'abitare, alla scuola, alla mobilità pubblica e tutele reali di reddito per i disoccupati;
- Difendere il diritto di sciopero con l'abrogazione delle leggi che lo vincolano; - Rigettare l'accordo truffa del 10 gennaio 2014 sulla rappresentanza che limita la libertà e la democrazia sindacale;
- Contrastare ogni tipo di guerra e le spese militari;

Nel contesto di tale sciopero l'assemblea "Pro una Caminera noa" organizzerà un presidio e una conferenza stampa davanti alla sede dell'Ufficio scolastico Regionale a Cagliari (piazza Galilei ore 11:00) per chiedere l’inserimento nel curricolo scolastico della Lingua e della Storia sarda mediante un protocollo d’intesa tra Ministero e Regione. Ciò garantirà un significativo aumento dei posti di lavoro per centinaia di giovani docenti sardi e colmerà una gravissima disparità di trattamento tra la cultura sarda e quella italiana che lede profondamente i diritti umani e civili dei cittadini e delle cittadine sarde. In tale occasione avanzeremo inoltre le nostre proposte su alcuni temi di fondamentale importanza quali:
- docenti sardi tutt'oggi costretti all'emigrazione dalla legge 107 che non tutela la scuola sarda e i suoi lavoratori
- necessità di superare l'alternanza scuola lavoro
- difesa del corso di studio quinquennale dei licei.
Nell'immediato futuro costruiremo ulteriori momenti di lotta e proposta nel contesto delle mobilitazioni sindacali compatibili con i nostri valori e obietivi fondamentali.

(SRD)

Su 27 de santugaine imbeniente, unos cantos sindacados indisponìbiles a sa cunfrontadura e a sa bèndida a baratu de sos deretos de sos traballadores ant fissadu un'isciòperu generale.

Nois ativistas "Pro Una Caminera Noa", unidos in s'assemblea plenària in Bauladu su 17 de cabudanni coladu, amus detzìdidu de sustènnere sas resones de s'isciòperu, ca sunt cumpatìbiles cun sos valores e sas punnas in arresonu:

• abolire sas imparidades de paga, sotziales, econòmicas, de gènere e cussas cara a sos immigrados;
• garantire creschimònias de paga;
• minimòngiu generalizadu de s'oràriu de traballu e investimentos pùblicos pro ambiente e territòriu;
• pensione de antzianidade a 60 annos o cun 35 annos de cuntributos;
• abolire sa lege Fornero;
• firmare sas privatizatziones e sas liberalizatziones;
• garantire su deretu universale a sa salude, a s'abitare, a s'iscola, a sa mobilidade pùblica e amparos cuncretos de intreras pro sos disocupados;
• defensare su deretu de isciòperu cun s'abrogu de sas leges chi lu vìnculant;
• refudare s'acordu-trampa de su 10 de ghennàrgiu 2014 subra sa rapresentàntzia chi lìmitat sa libertade e sa democratzia sindacale;
• cuntrastare cada tipu de gherra e gastos militares.

In su cuntestu de tale isciòperu, s'assemblea “Pro una Caminera Noa” at a organizare unu presìdiu e una cunferèntzia imprenta a ogros a sa sede de s'Ufìtziu Iscolàsticu Regionale in Casteddu (pratza Galilei a sas 11:00) pro pedire s'inserta in su curriculum iscolàsticu de sa Limba e de s'Istòria Sarda pro mèdiu de unu protocollu.

Custu at a garantire una creschimònia significativa de sos postos de traballu pro chèntinas de giòvanos dotzentes e at a acolumare un'imparidade grae de tratamentu intre sa cultura sarda e s'italiana chi ofendet profundamente sos deretos umanos e tziviles de sos tzitadinos e de sas tzitadinas sardas.

In tale ocasione amus a avantzare, in prus, sas propostas nostras subra unos cantos temas de importu fundamentale tipu:

• dotzentes sardos custrintos galu oe a s'emigratzione dae sa lege 107 chi no amparat s'iscola sarda e sos traballadores suos;
• netzessidade de superare s'alternu iscola-traballu;
• defensa de sa carrera de istùdios de chimb'annos in sos litzeos.

In su benidore imbeniente amus a fraigare ulteriores movimentos de cumbata e proposta in su cuntestu de sas mobilitatziones sindacales cumpatìbiles cun  sos valores nostros e obietivos fundamentales.




Posta un commento

0 Commenti